Teatro Miela
spazioitalianospazioenglishspaziohomecalendariostoriainfobiglietteriatrasparenzadove siamoservizisearchnewsletter

musica
musiclive
trieste is rock
miela next
cinema
collezione-primavera-estate
la stagione del raccolto
scienza
mi&lab
satira
pupkin
pupkin news
produzioni
open miela
note in caffe
prosa
altri percorsi
onoff
rassegne
satie
s\paesati





twitter

 
     
calendario    simbolo
     

 

dom 1 ottobre 2017
ore 23.01
Teatro Miela

La notte blu dei teatri
74 GIORNI SOSPESI, IL NAUFRAGIO DI AMBROGIO FOGAR E MAURO MANCINI

con Alessandro Mizzi e Ivan Zerbinati
regia di Massimo Navone
libero adattamento di Luca Rodella e Massimo Navone da "La zattera" di Ambrogio Fogar
Durata 45'
Due amici, una zattera, pochissimi viveri, nella vastità dell'Oceano: come trovare la spinta a vivere quando la speranza si spegne giorno dopo giorno?
Una lettura scenica che ci catapulta in un'avventura ai limiti della sopravvivenza.

Ambrogio Fogar e Mauro Mancini erano a 4 giorni di vela da Rio de la Plata quando un branco di orche o balene affondò la loro barca il Surprise in quattro minuti. Si gettarono sul battello di gomma e sulla zattera autogonfiabile con pochissima roba da mangiare. Era la mattina di giovedì 19 gennaio 1978 Fogar e Mancini avevano fatto appena in tempo a saltare sulla zattera di salvataggio, portandosi dietro un po’ di zucchero e pancetta. Durante gli oltre due mesi alla deriva si nutrirono della carne dei cormorani, e di qualche pesce catturato con le mani, bevendo l'acqua piovana che si accumulava nella zattera. Condivisero uno spazio angusto, speranze e i loro destini, rigonfiando il battello con la forza dei polmoni e della disperazione. Trascorsero 74 giorni in mare, in balia delle onde e dei venti, fino al 2 aprile 1978, quando furono raccolti da un mercantile greco di passaggio. Un lieto fine che si rivelò una beffa del destino. Mancini, il giornalista amico dell'esploratore che lo stava accompagnando nell'impresa di circumnavigare il Polo Sud, morì dopo due giorni, stremato nel fisico - aveva perso 41 chili - non superò una polmonite.


Gli altri teatri di Trieste aperti per una notte di spettacoli dedicati al mare:

ore 17.30
Fondazione Teatro Lirico “Giuseppe Verdi” Trieste

MASTER AND COMMANDER
musiche di Corelli, Schubert, Mozart, Boccherini/Berio, direttore e solista Stefano Furini; Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.
Durata 45'
Ingresso € 5,00

ore 19.00
La Contrada - Teatro Stabile di Trieste - Teatro Orazio Bobbio
NOVECENTO. LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO
di Alessandro Baricco, diretto e interpretato da Antonello Avallone; scene e costumi di Red Bodò.
Durata 45'
Ingresso € 3,00

ore 20.00
Teatro Stabile Sloveno - Slovensko Stalno Gledališče

COME SI RACCONTA L’ACQUA SENZA USARE L’ACQUA?
percorso di suoni, voci ed elementi tattili ispirati all’idea artistica di Hélio Oticica in collaborazione con ZSŠDI Unione delle Associazioni Sportive Slovene in Italia.
Durata 45'
Ingresso € 3,00

ore 21.30
Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia - Politeama Rossetti

IL CORSARO DEL VENTO. TINO STRAULINO
testi tratti dal libro “Straulino, signore del mare” a cura di Tiziana Oselladore, con gli attori della Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia
Durata 45'
Ingresso € 3,00

organizzazione: Bonawentura in collaborazione con Barcolana 49

Ingresso € 3,00

 
       
Teatro Miela - gestito da Bonawentura soc.coop. - p.iva 00746370329 - Privacy - Cookie Policy