“Identità, genere e dis-uguaglianze” convegno internazionale
“Loving contro Virginia” spettacolo

Ore 14.00:
IDENTITÀ, GENERE E DIS-UGUAGLIANZE
convegno internazionale

Il “Centro Internazionale per le Ricerche e gli Studi Interculturali” (C.I.R.S.I.) promuove un convegno internazionale sul tema “Identità, genere e dis-uguaglianze” al fine di estendere ed approfondire il dibattito su genere e migrazioni aperto dal primo numero della rivista trimestrale di approfondimento “Temperanter” che sarà presentato in tale occasione (“Temperanter”, n. 1, gennaio-marzo 2010: “Donne migranti e pari opportunità: una sfida per tutti”).
L'emarginazione e l'esclusione dei gruppi non-dominanti, siano essi etnici, linguistici, sessuali, religiosi, ecc., si sono consolidate nel tempo attraverso l'instaurazione di un sistema discriminatorio basato sull'imposizione di rappresentazioni false e subordinanti. L'accresciuta attenzione per queste problematiche negli ultimi decenni ha consentito dei notevoli progressi sul piano teorico-filosofico, che raramente sono stati accompagnati da misure politiche e prassi efficaci.
Programma completo ed informazioni: www.cirsi.net

Ore 21.00:
LOVING CONTRO VIRGINIA
di e con Alessandro Ghebreigziabiher
con la collaborazione di Cecilia Moreschi
In collaborazione con Il Dono della Diversità – Laboratorio Interculturale di Narrazione Teatrale
“Loving contro Virginia” fu una causa di diritti civili nella quale la Corte Suprema degli Stati Uniti dichiarò incostituzionale la legge sull'Integrità Razziale, mettendo fine ad ogni restrizione legale di tipo razziale sul matrimonio in America. I protagonisti, Mildred Jeter, una donna di discendenze africane, e Richard Loving, un bianco, risiedevano in Virginia e si sposarono nel 1958 nel Distretto della Columbia. In seguito al loro ritorno in Virginia, furono accusati di violazione della legge. I Loving si trasferirono nel Distretto di Columbia e nel 1963 l'Unione per le Libertà Civili Americane depositò una mozione a loro nome alla corte di primo grado per annullare la sentenza. L'azione dell'Unione per le libertà civili provocò una serie di cause che alla fine raggiunsero la Corte Suprema. Nel 1964, dopo che la loro mozione non venne accolta, i Loving iniziarono una serie di azioni di classe nella Corte Distrettuale degli Stati Uniti nei confronti del Distretto orientale della Virginia. L'anno seguente, la corte distrettuale decise di permettere ai Loving di presentare i loro reclami alla Corte Suprema della Virginia degli Appelli, la quale confermò le incriminazioni. In seguito, la Corte Suprema degli Stati Uniti annullò la condanna in una decisione unanime tra le cui motivazioni vi fu la seguente: “Il matrimonio è uno dei diritti civili fondamentali dell'uomo.”
Alessandro Ghebreigziabiher, scrittore, narratore teatrale e blogger, è nato a Napoli nel 1968 e vive a Roma. E' autore di narrativa e di teatro. Nel 2005 ha ideato il Laboratorio interculturale di narrazione teatrale e dal 2006 è il direttore artistico della Rassegna di teatro narrazione “Il dono della diversità”. Il suo blog è https://alessandroghebreigziabiher.blogspot.com e il sito personale è www.alessandroghebreigziabiher.it.
Info: www.narrazioneinterculturale.org