TUTTE LE ANIME DEL MIO CORPO 
di Erika Rossi
Italia, 2016,  63’
Film sul romanzo biografico di Maria Antonietta Moro. Dopo la morte della madre, una donna ritrova il suo diario scritto durante la seconda guerra mondiale: siamo in Friuli, negli anni tragici tra il 1943-1945, una giovane donna entra nella Resistenza e partecipa prima alle attività dei gruppi antifascisti jugoslavi nel goriziano e poi a quelle italiane. Durante i lunghi mesi prima della fine della guerra, costretta a nascondersi, scrive un diario di cui nessuno finora conosceva l’esistenza. Accompagnano il diario alcune lettere scambiate dall’autrice con il comandante partigiano Ardito Fornasir, “Ario”, medaglia d’argento della Resistenza, che dopo la fine della guerra diverrà suo marito. Sono lettere in cui motivi personali, politici e militari si intrecciano in una sintesi efficace.

a seguire:
IL VIAGGIO DI CATERINA
di Sabrina Morena e Franco Però; con Omero Antonutti, Paolo Fagiolo, Lara Komar, Helena Husu
Italia, 2015, 32’
Il documentario, ispirato all’omonimo spettacolo realizzato nel 2011 e liberamente tratto da Il Baule di Giovanna di Diana de Rosa, ripercorre la storia di Caterina Bainat, una giovane di Cormons che nella Trieste di fine ‘800 viene accusata di infanticidio. Caterina Bainat appartiene a un universo di persone di basso ceto, pronte a impegnarsi nei lavori più umili per vivere e migliorare la loro condizione sociale, attratte dalle prospettive che la grande e ricca Trieste potevano offrire. Il documentario Il viaggio di Caterina propone uno spaccato della storia delle donne a Trieste e nella regione: donne che vivono di stenti e cercano di sopravvivere nella Trieste borghese del tempo.

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 5,00