News

PUPKIN KABARETT diversamente in piedi. Lunedì 21 febbraio.

Dopo le prime serate si sono lasciati andare all’entusiasmo e dichiarano: “Siamo tornati alla grande e pare che riusciamo ancora a far ridere, tra un vuoto di memoria e l’altro”.

Dopo due anni di pandemia Laura Bussani, Stefano Dongetti e Alessandro Mizzi, insieme ai musicisti e agli ospiti, sono infatti tornati sul palco del Miela tra protocolli sanitari di vario genere anche inventati da loro sul momento, improvvise possessioni da parte di vecchi personaggi e il rischio costante di malori improvvisi dovuti all’età. In fondo hanno accumulato centinaia di serate di Pupkin. “Sì, a pensarci bene sono vent’anni di spaventi serali in cui ti ritrovi di fronte un pubblico pronto a ascoltarti senza fondati motivi. Ci conforta vedere ogni tanto che qualcuno ne approfitta per parlare, per dormire o sbirciare il telefono, se no la responsabilità sulle nostre spalle sarebbe troppa. Alle volte facciamo due ore e più di spettacolo senza capire bene neanche noi come”.

La missione affidatagli da Paolo Rossi (il loro allenatore forse presente, almeno in panchina, già da questo lunedì) è recuperare lo spirito di un tempo costi quel che costi, e pare stia andando a buon fine. “Per ora abbiamo fatto solo i primi passi di queste sedute psicanalitiche in pubblico. Vedremo come prosegue, se con il ricovero o meno. Per ora il fatto che non dobbiamo pagare il nostro psicanalista è già un ottimo risultato”.
Appena si prova a chiedere di questione artistiche, ti rispondono che il loro unico pensiero va al bar del teatro che sperano che questo lunedì riapra. Insomma, l’appuntamento è per lunedì 21 febbraio, alle 20.23 precise ,per un’altra eccezionale serata all’insegna del buon gusto, dell’eleganza e dell’ampio parcheggio.

Ospiti musicali speciali della serata: Aljoša Saksida, Francesco Cainero e Giulio Roselli.

https://www.miela.it/pupkin-kabarett-39/