S/paesati

2021

DALLA CARNE E DALLE OSSA

Studio prima tappa

progetto di regia e drammaturgia a cura di Omar Giorgio Makhloufi
interpreti e co autori Filippo Capparella, Veronica Dariol, Paolo Fagiolo
consulente artistico Alessandro Marinuzzi
foto Fiammetta Rodella
progetto Artifragili
produzione Bonawentura

Si ringraziano On stage – school of performing arts, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste e Associazione Magnolia

Dalla Carne e dalle Ossa è un’indagine teatrale e drammaturgica sul senso della Fede nell’esistenza umana. In un allestimento in chiave di “assemblea pubblica”, racconta l’Italia pandemica attraverso la storia di quattro identità fragili della nostra società.

Qual è la nostra più grande mancanza? Abbiamo fede? E se sì, in cosa o in chi? A cosa e a chi credere? Credere, non credere o fingere di credere? Esserci o non esserci?
Svisceriamo il concetto stesso di pandemia a partire dalla sua etimologia: “che riguarda tutto il popolo”. È possibile pensare alla parola pandemia, in senso positivo? Pandemia come inno alla gioia e alla condivisione. Pandemia come l’araba fenice che si erge gloriosa da un tempo fragile e violento. Pandemia come lotta al virus dell’ignoranza e della discriminazione che invade il nostro privato.Pandemia come il vaccino per tornare a esserci nella dimensione pubblica.

Valverde è un paese di provincia dell’Italia pandemica. Un tempo sospeso tra ieri e oggi, tra futuro e passato.
Angela è una neo mamma, misteriosamente rimasta incinta. Sa che darà alla luce suo figlio ma non sa chi sia il padre. Suo fratello Lazzaro, brillante e genialoide neo laureato, è di ritorno dall’estero; odia l’Italia e vuole riscattare la sorella dalla vita asfittica di provincia. Blasillo, il matto, è un tossico dipendente che abita le strade del paese, crede che Maradona tornerà a salvarci tutti quanti come nuovo unico e inimitabile messia.
Sullo sfondo: Manuele, un prete che ha fatto da collante spendendosi per la loro comunità, un uomo che viene santificato nonostante fingesse di credere. I tre che hanno conosciuto il suo segreto, si interrogano sul senso della fede a partire dalle loro identità e le loro aspirazioni più profonde.

Domenica 3 ottobre allo spettacolo seguirà l’incontro:
VITE, MISSIONI, COMUNITÀ
Riflessioni sulla cura delle comunità e delle persone, sulla dignità dell’essere umano e l’accoglienza.
Con Renzo Bon (psichiatra), Lorena Fornasir, (Associazione Linea D’Ombra), Don Mario Vatta, (fondatore della Comunità di San Martino al Campo). Modera Fabiana Martini.

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 12,00 riduzioni convenzionate € 10,00. Green pass obbligatorio. Prevendita: www.vivaticket.com. Inoltre è possibile effettuare una prenotazione telefonando allo 040365119 (lunedì-venerdì / 9.00-17.00) o scrivendo a biglietteria@miela.it (fornendo i dati personali nome, cognome e recapito telefonico).