S/paesati

2021

GEJM (The game)

regia Žiga Divjak
produzione Maska Ljubljana e Slovensko Mladinsko Gledališče

Le persone che hanno percorso a piedi mezzo mondo per sfuggire a guerre, persecuzioni, violenze e povertà estrema, chiamano “gejm” (gioco) gli ultimi cento chilometri che in Bosnia ed Erzegovina li separano dall’obiettivo dell’ingresso in Europa. Il gioco non ha regole, le leggi non si applicano, i poteri della polizia sono illimitati, la violenza è sempre più brutale, i pericoli crescono, le opportunità diminuiscono e le strade si allontanano sempre più…
Molti ci provano più volte, anche venti, trenta volte: una volta devono riuscirci. Per molti, il gioco finisce fatalmente. Alle nostre frontiere, secondo i dati disponibili, finora hanno perso la vita una ventina di persone. Il progetto dell’autore Gejm esaminerà il ruolo e la responsabilità della Slovenia e della sua politica di confine per la vita e il destino delle persone in fuga.
Gejm non si aspetta da noi né empatia né definizione morale, ma l’osservanza coerente delle leggi che determinano gli standard di civiltà. Uno spettacolo forte che difende l’umanità e i principi fondamentali della civiltà e della cultura europea. La messa in scena testimonia la grande tragedia dei migranti consegnati alle azioni spietate delle autorità statali e dei cittadini europei. Uno spettacolo che non parla solo della Slovenia, ma anche dell’Europa e del mondo, e annuncia in modo allarmante che il limite è stata superato. Spettacolo vincitore dei più importanti premi sloveni, consente inoltre agli spettatori di guardare dentro se stessi perchè che questo non è solo uno spettacolo sui migranti, ma anche su di noi e sulla nostra responsabilità per la loro tragedia. Attraverso una selezione di oggetti reali che simboleggiano il destino degli individui, lo spettacolo crea un’installazione: una “mappa” delle morti dei rifugiati.

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 12,00 riduzioni convenzionate € 10,00. Super green pass obbligatorio. Prevendita: www.vivaticket.com