Teatro e Cabaret

Pupkin Kabarett

CANTIERI APERTI

SPETTACOLO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI

CANTIERI APERTI Featured Image

Siamo spiacenti di comunicare che lo spettacolo è stato RINVIATO A DATA DA DESTINARSI causa indisponibilità degli artisti.

______________________________________________________________________________________________________________________

Dopo vent’anni di attività il Pupkin Kabarett ritorna per alcune serate speciali e decisamente irripetibili nel “ridottino” del Miela, la saletta che nel febbraio del 2001 vide i mitici esordi del cabaret più strampalato del Nord Est.
La missione, sotto la guida di Paolo “Little King” Rossi, è quella di rinnovare il Pupkin ripartendo dagli inizi, per ripartire subito dopo – una volta recuperato lo stralunato mood originale della “Sala Pupkin” – con i consueti appuntamenti del lunedì nella sala grande.

Ce la faranno i nostri a ritrovare il clima giovanile e spensierato d’un tempo? Sapranno imboccare una loro nuova “fase creativa tardiva” senza chiedere aiuto a eventuali medici presenti in sala? Riusciranno a sorprenderci di nuovo come degli “ancients prodiges” o deraglieranno miseramente imbioccando a ampie falcate il loro viale del tramonto?
La scommessa è aperta e sarà una scommessa tutta giocata con il pubblico in nove serate rigorosamente giocate sull’happening e in cui tutti gli spettatori saranno chiamati anche a vestire i panni dei coregisti, coautori e coattori del Pupkin. E chissà che qualcuno degli spettatori presenti a queste irreplicabili serate non possa rivelarsi uno dei futuri protagonisti del Pupkin Kabaret edizione 2021/22.

Per ogni singola serata è prevista la presenza di un ospite a sorpresa che affiancherà Laura Bussani, Alessandro Mizzi, Stefano Dongetti e Paolo Rossi in questo loro “delirio organizzato smemorato”.
Un invito speciale a partecipare è rivolto anche agli spettatori storici di quattro lustri fa, o quasi, che potranno aiutare i nostri a ricostruire ciò che accadeva ai tempi dal momento che i comici del Pupkin dicono di non ricordare più nulla o quasi, non si sa se per semplice pudore o vergogna vera e propria.
L’appuntamento per un pubblico ridotto nel numero ma baldanzoso nell’animo e pronto a tutto sarà scandito in tre avvincenti set senza alcun tie-break: 30 novembre, 1 e 2 dicembre / 6,7 e 8 dicembre / 20, 21 e 22 dicembre.
Come si diceva ai tempi, riprendendo lo slogan di un vecchio film horror… “Pagare per entrare, pregare per uscire”.

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 10,00. Green pass obbligatorio. Prevendita c/o biglietteria del teatro (tel. 0403477672) da lunedì a venerdì dalle 17.00 alle 19.00. www.vivaticket.com
posti limitati

Nella stessa categoria